Appunti sulla sintassi dell’infinito in un volgarizzamento trecentesco della "Legenda aurea"