Maratta, Bellori e i maccheroni