A proposito di una recente edizione di inediti patriziani