«Porta di due mondi»: Contini e l’insegnamento di Trieste