Gli interlocutori del sermo oraziano: gioco scenico e destinazione del testo