Gramsci a Tahrir, tra spontaneità e teoria dei movimenti sociali