Leone Ginzburg, Luigi Russo e i tempi calamitosi della cultura