La «place marchande» della libertà. Ancora su Montaigne e la storia