Riflessioni di un autore della "Storia dell'italiano scritto"