Le fonti figurative: verso un uso più largo, ma cauto e non omologato