Tra Arato e Nicandro. Una nota a Germanico, Arati Phaenomena 646 ss.