Due note testuali ad Apuleio: Met. 2.21 e 3.2