Il saggio affronta la storia di una stesura molto particolare: quella del catalogo manoscritto delle gemme incise della raccolta mediceo-lorenese, realizzata da un personaggio chiave nella cultura antiquaria fiorentina della prima metà dell'800. Migliarini era stato in contatto con varie realtà istituzionali del periodo alternando la competenza per l'arte antica con la gestione (per alcuni anni) degli Uffizi, quando stavano arrivando le nuove istanze di una museologia aperta e pronta alle nuove tecnologie come la fotografia. Tra dibattito culturale e specialismo settoriale, il catalogo dele gemme rappresentò uno strumento molto importante per comprendere le dinamiche gestionali del museo già mediceo-lorenese.

Arcangelo Michele Migliarini e il Catalogo della dattilioteca mediceo-lorenese del 1837

FILETI, Miriam
2014

Abstract

Il saggio affronta la storia di una stesura molto particolare: quella del catalogo manoscritto delle gemme incise della raccolta mediceo-lorenese, realizzata da un personaggio chiave nella cultura antiquaria fiorentina della prima metà dell'800. Migliarini era stato in contatto con varie realtà istituzionali del periodo alternando la competenza per l'arte antica con la gestione (per alcuni anni) degli Uffizi, quando stavano arrivando le nuove istanze di una museologia aperta e pronta alle nuove tecnologie come la fotografia. Tra dibattito culturale e specialismo settoriale, il catalogo dele gemme rappresentò uno strumento molto importante per comprendere le dinamiche gestionali del museo già mediceo-lorenese.
glittica; collezionismo; museografia ottocentesca
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11384/7041
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact