Fiducia nel progresso e senso della storia: su «La Démocratie» di Étienne Vacherot