Garin, la gioia della filosofia come Rinascimento