Boccaccio e la tradizione del prosimetro. Un'ipotesi per la forma della "Comedia delle ninfe fiorentine"