I gruppi scultorei delle porte milanesi: una forma di comunicazione politica?