Il piacere negli occhi. L'ekphrasis nella Tebaide di Stazio