Qualche appunto sulla lingua delle "Satire"