Produttori, sabotatori, sorveglianti. I “tribunali di fabbrica” nella Fiat del 1953