Ripensare la soggettività etico-politica. A partire da Arendt e Foucault