Il saggio si propone di investigare il rapporto di Gianfranco Contini con le arti plastiche, separando nettamente due ambiti di discorso: in primo luogo, i saggi in cui lo studioso si occupa direttamente di critica d’arte (affrontando il lavoro di pittori come De Pisis, Marini o Gonzato), in secondo luogo, le intromissioni del linguaggio plastico all’interno dell’attività ufficiale di filologo e critico letterario (dall’uso ricorrente di similitudini tra opere letterarie e quadri all’adozione di termini tecnici esportati dal lessico visivo).

«Parificando inchiostri e colori»: Gianfranco Contini e la seduzione del figurativo

chiara portesine
2019

Abstract

Il saggio si propone di investigare il rapporto di Gianfranco Contini con le arti plastiche, separando nettamente due ambiti di discorso: in primo luogo, i saggi in cui lo studioso si occupa direttamente di critica d’arte (affrontando il lavoro di pittori come De Pisis, Marini o Gonzato), in secondo luogo, le intromissioni del linguaggio plastico all’interno dell’attività ufficiale di filologo e critico letterario (dall’uso ricorrente di similitudini tra opere letterarie e quadri all’adozione di termini tecnici esportati dal lessico visivo).
Settore L-FIL-LET/10 - Letteratura Italiana
Gianfranco Contini; Prosa d'arte; Critica d'arte
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
03 PORTESINE.pdf

Accesso chiuso

Tipologia: Published version
Licenza: Non pubblico
Dimensione 817.96 kB
Formato Adobe PDF
817.96 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11384/125392
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact