Futuro del “classico”. A proposito di un libro di Salvatore Settis