Le parole della tradizione filologica italiana: un modello da ripensare