Un “ignoto corrispondente”, Lanzi e la quadreria di Pommersfelden. Sull’avvio (e sul percorso) di Roberto Longhi come conoscitore